Lavorare in Vietnam

CIAO A TUTTI!

Sono Lucie Spillebout e ho appena terminato il mio stage presso l'agenzia grafica What'zhat di Parigi. Ho Chi Minh, Vietnam. Volevo quindi scrivere un articolo su questo stage e sul fatto che ho vissuto per 2 mesi in questa grande città e capitale economica del Vietnam: Saigon.

Innanzitutto, volevo venire in Vietnam. Non sapevo ancora in quale contesto, quando e per quanto tempo. Inizialmente pensavo di venire qui come viaggiatore zaino in spalla, ma sono venuto come stagista, il che mi ha permesso di combinare la scoperta di un Paese con un'esperienza lavorativa (quindi il viaggio in auto sarà rimandato). Ho voluto venire qui perché, dopo gli studi, voglio trasferirmi in un altro Paese, probabilmente asiatico, per qualche anno. Mi piacerebbe davvero immergermi in questa cultura, che mi incuriosisce.

QUI È TUTTO PAZZESCO!

Per cominciare, i vietnamiti sono fantastici, tutti sorridenti. Beh, non tutti, ma i 3/4, perché vedere i turisti tutto il giorno deve essere estenuante alla fine. Ma sono tutti sorridenti e la cosa più adorabile sono i bambini che ci salutano o si avvicinano per dire "ciao". Ricordo di aver attraversato in bicicletta la giungla vicino a Can Tho e passando davanti alle case, ad ogni casa sentivo gli abitanti salutarci.

In secondo luogo, qui lo stress non è uno stile di vita rispetto alla Francia. Le persone sono calme e non corrono. Al ristorante, ad esempio, è molto raro che tutti vengano serviti nello stesso momento, i camerieri non corrono, non si sentono commenti stressanti dalla cucina e il servizio è fatto con calma e un atteggiamento zen. Ho visto scooter rompersi sul ciglio della strada e l'autista ripararli con calma, mentre in Francia tendiamo ad agitarci.

GUIDARE A HO CHI MINH È SICURAMENTE UN'ESPERIENZA DA PROVARE!

Per spostarmi allo stesso modo dei vietnamiti, ho scaricato il programmaapplicazione Afferrare. Grab è l'Uber dell'Asia, ma qui la maggior parte dello shopping si fa in scooter piuttosto che in auto. Purtroppo non ho noleggiato il mio scooter perché non so guidarlo e non volevo rischiare incidenti dall'altra parte del mondo. E non sono abbastanza bravo a guidare Mario Kart...

La cosa più impressionante della loro guida sono i semafori rossi: si pensa di essere sulla linea di partenza di Mario Kart. Una volta che il semaforo diventa verde, tutti gli scooter partono contemporaneamente e in tutte le direzioni. Ti sorpassano da sinistra a destra, ovunque.

Inoltre, la loro guida è piuttosto rumorosa, e qui gli indicatori di direzione sono usati pochissimo, a differenza del clacson, poiché guidano dove c'è spazio sulla strada. Usano il clacson per avvertire gli altri di svoltare, per sorpassare a destra o a sinistra o per tagliare un incrocio... (mi chiedo come facciano gli automobilisti a sapere da dove proviene il rumore, sapendo che tutti i veicoli suonano il clacson...).

NOODLES, RISO, MERCATI E ALTRO ANCORA!

Ho provato anche alcuni piatti tipici vietnamiti, come il "Phở"che è una zuppa di spaghetti di riso con carne ed erbe.Bún chả"eBún thịt nướn", che sono sottili piatti di pasta di riso con carne di maiale e verdure. La forma del maiale differisce tra i due piatti e il "Bún thịt nướn" contiene involtini primavera e arachidi.

I piatti qui sono tutti a base di riso, noodles o pasta di riso e carne. Ho visitato la fabbrica di spaghetti di riso a Can Tho a Delta del Mekong dopo aver visitato i mercati galleggianti.

Ho provato anche alcuni frutti tipici dell'Asia meridionale, come piccole banane, mangostano e dragon fruit, ma non ho assaggiato il durian. Questo frutto è noto per il suo odore ripugnante e molto forte, che è un dato di fatto e l'odore è paragonabile a quello della spazzatura. Infatti, è severamente vietato negli aeroporti, con grande disappunto dei vietnamiti.

Al lavoro o a casa, abbiamo preso l'abitudine di ordinare su Prendete il cibo e farli consegnare direttamente sul posto. In questo modo potevamo accedere al cibo di altri distretti in modo facile e veloce. Al lavoro, mangiavamo spesso insieme, al ristorante o in agenzia.

Durante il mio tirocinio ho lavorato e vissuto a Thao Dien, nel distretto 2, che è più che altro un quartiere di espatriati. Ho incontrato molti francesi, ma anche americani, sudafricani, irlandesi...

Parlavo principalmente francese e inglese, quindi non ho imparato molte parole vietnamite, solo come dire bonjour "Xin Chao" e merci "Cam on". Il quartiere di Thao Dien e la città di Ho Chi Minh in generale non sono zone pedonali, quindi non è molto facile muoversi a piedi, per questo mi sono spostata principalmente con uno scooter Grab. Il distretto 2 offre la possibilità di mangiare tutti i tipi di cucina: essendo un quartiere di espatriati, qui si possono trovare tutti i tipi di ristoranti. Infine, ma non meno importante, la zona è abbastanza tranquilla, il che è piacevole per passeggiare la sera, quando il traffico è più leggero rispetto al giorno.

Anche nel distretto 1, o nell'iper-centro, si possono trovare tutti i tipi di cibo a tutti i prezzi. Se volete trovare cibo più economico, dovete comunque uscire dalle zone degli espatriati o dei turisti. Ci sono anche molti mercati, e io ne ho visitato uno nel centro della città. di Bén Thành l'uno di Bà Chiểu e uno nel distretto 10.

LA MIA ESPERIENZA PROFESSIONALE

Ho voluto scrivere questo articolo per due motivi: in primo luogo perché è stata la mia prima esperienza professionale all'estero e in secondo luogo perché non credo che riuscirò mai a trovare un ambiente di lavoro simile in Francia.

Ho svolto il mio tirocinio presso l'agenzia di design What'zhat, creata un anno fa da due espatriati francesi che vivono in Vietnam.

Lavorare qui, o meglio lavorare a What'zhat, significa lavorare in modo indipendente e avere degli obiettivi da raggiungere ogni settimana, quindi ho dovuto imparare a gestire i miei orari e i miei compiti quotidiani. Ho dovuto imparare a essere indipendente e rigorosa nel mio lavoro per dimostrare che avevano ragione a fidarsi di me e a lasciarmi essere indipendente. Ho apprezzato molto le riunioni settimanali per analizzare ciò che avevo imparato, spiegare cosa avevo intenzione di fare per la settimana successiva e parlare dei nostri sentimenti personali e professionali.

Avevo 3 missioni principali:

  • Il primo è lo sviluppo del business, ovvero l'arricchimento del dossier clienti dell'azienda attraverso la prospezione su LinkedIn.
  • In secondo luogo, mi sono occupato di inserire il sito web nelle directory, o netlinking, per migliorare la credibilità elettronica del sito What'zhat e aumentarne la visibilità.
  • Infine, il mio ultimo compito principale è stato quello di sviluppare l'account Instagram dell'agenzia e di monitorare e sviluppare le vendite su questa piattaforma.

Per me è stata un'esperienza gratificante, che mi ha permesso di conoscere meglio il funzionamento delle aziende, le loro modalità di vendita e di acquisizione dei clienti. Ho anche potuto scoprire il funzionamento del SEO e l'immagine del marchio di un'azienda sui social network. Inoltre, questo metodo di lavoro mi ha permesso di conoscere meglio me stesso, la mia autonomia e il mio modo di vedere e affrontare il lavoro.

https://www.youtube.com/watch?v=l9sfqk5gaYI

Ci siete mai stati o avete lavorato lì? Raccontatemi la vostra esperienza nei commenti.

Lasciate un commento: