Imballaggio del prodotto

L'imballaggio: la vostra carta vincente per la comunicazione!

Come avrete sicuramente notato, con l'aumento delle problematiche ecologiche, la tendenza odierna è quella dell'imballaggio sfuso. Sebbene queste nuove preoccupazioni e abitudini dei consumatori non debbano essere trascurate, l'imballaggio tradizionale rimane essenziale in molti casi, sia per ragioni tecniche che commerciali.  

Il ruolo e le funzioni dell'imballaggio

Per alcuni l'imballaggio esiste solo per essere bello. Tuttavia, la maggior parte delle volte la sua funzione principale è di tipo tecnico: contenere un liquido, proteggere un prodotto fragile, aiutare a conservare un alimento, consentire o facilitare l'uso da parte del consumatore (come nel caso della famosa linguetta Flanby, o dei tappi a elica Pom'Potes che facilitano ai bambini l'apertura delle bottiglie d'acqua)...

La confezione ha anche funzioni commerciali e di marketing. Sebbene siano secondarie, sono quelle che richiedono una maggiore riflessione strategica, perché l'imballaggio è il vostro strumento di comunicazione primario (quello di cui non potete fare a meno per le sue funzioni tecniche, e che quindi è in un certo senso "gratuito") e vi permette di trasmettere una notevole quantità di informazioni. A mio avviso, questo è il ruolo più importante dal punto di vista del marchio, soprattutto nei supermercati dove i clienti non ricevono consigli per gli acquisti e dove la concorrenza è spietata. In questo caso, una confezione ben costruita può fare la differenza!

Il vostro packaging vi permetterà di trasmettere diversi messaggi come :

✔️ Identificare il nome, l'immagine e il posizionamento del vostro marchio. 
✔️ Comunicare la vostra strategia.
✔️ Informazioni il consumatore sul prodotto stesso, sulla sua composizione e sul suo utilizzo.
✔️ AttrazioneQuesto obiettivo può essere raggiunto facendo in modo che il vostro prodotto si distingua dalla concorrenza e/o creando un'attrattiva e un'emozione specifica per il consumatore. Un packaging di sufficiente impatto sarà un vero e proprio vettore per l'immagine del vostro marchio e contribuirà a migliorare la vostra reputazione.

Fonte : aesop.com

Fonte : aesop.com

Ad esempio, la confezione di Aésop, pur essendo estremamente sobria, trasmette i messaggi chiave del marchio:

✔️ Il nome del marchio: la prima informazione visibile che si distingue dalle altre
✔️ La strategia della trasparenza si manifesta chiaramente con l'inserimento dell'elenco degli ingredienti sul fronte del prodotto, mentre di solito queste informazioni si trovano sul retro.
✔️ L'uso del bianco e del nero trasmette sia la semplicità del marchio sia il suo posizionamento leggermente premium.

Come potete assicurarvi di sviluppare un packaging d'impatto?

In qualità di brand, dovrete gestire soprattutto le fasi chiave di ideazione e progettazione della catena grafica durante lo sviluppo del pack, ma anche le fasi di controllo dei documenti durante la fase di stampa. È un po' noioso, ma non dovete trascurarlo, perché siete quelli che conoscono meglio il vostro pack e quindi sarete nella posizione migliore per individuare eventuali errori. E soprattutto, se il risultato finale è problematico, sarete voi a soffrirne!

Redigere un brief esaustivo per guidare il processo di progettazione grafica.

Si tratta di pensare alla strategia che il vostro pacchetto deve trasmettere e di centralizzare il tutto in una serie di specifiche che guidino il vostro grafico nella progettazione. Nella nostra esperienza, spesso cerchiamo di procedere il più rapidamente possibile con la grafica, ma senza aver convalidato (almeno in parte) il formato del vostro pacchetto, non ha molto senso iniziare a pensarci in modo approfondito. La disposizione e la quantità di informazioni dipendono in larga misura dal supporto: la sua forma, la superficie disponibile, ecc.

Definire il brief funzionale per determinare il formato e i materiali da utilizzare.

Ecco l'elenco delle domande che mi pongo sistematicamente per affinare il mio brief:

  • Cosa deve contenere il mio zaino?
  • Quali funzioni tecniche deve svolgere il mio pacchetto?
  • Quali sono i miei vincoli tecnici in termini di stoccaggio, trasporto, linea di produzione, scaffalature, ecc.
  • Qual è il costo unitario massimo che voglio investire?
  • Quale/i materiale/i voglio utilizzare (a seconda del costo e del posizionamento del marchio)? Ad esempio, nel settore degli alcolici, si possono avere diverse opzioni: solo la bottiglia per un prodotto entry-level, la bottiglia in un astuccio di cartone per un prodotto di fascia media, o la bottiglia in un contenitore (più solido) per un posizionamento premium.
  • Quanti colori (compresi i colori Pantone) posso/devo usare? Se è possibile, utilizzate un colore Pantone per il vostro logo, per garantire la coerenza tra i diversi materiali stampati.

In questa fase è necessario considerare anche l'aspetto ecologico. Oggi ci sono diversi aspetti su cui si può giocare per ottimizzare la durata dell'imballaggio, come l'inchiostro o il materiale utilizzato (usare meno materiale, un materiale facile da riciclare o sviluppare una confezione che possa essere riutilizzata).

Ecco l'elenco delle domande che mi pongo sistematicamente per affinare il mio brief:

Questo è certamente l'aspetto più importante del vostro pensiero. Potete optare per un formato e un materiale standard e affidarvi esclusivamente alla grafica per distinguervi dalla massa. Questo è spesso il caso dei prodotti entry-level o di fascia media.

Il brief creativo sarà poi interpretato dal vostro grafico, ed è per questo che è importante essere esaustivi sui contenuti che volete vedere sulla vostra confezione e guidare l'aspetto creativo in modo sufficientemente coerente con l'immagine del vostro marchio.

Iniziate elencando i contenuti scritti:
  • Elenco esaustivo delle informazioni obbligatorie e raccomandate (informazioni normative, informazioni sulla qualità, ecc.) + specificare la posizione che devono occupare se è richiesta dalla legge. Ricordate di definire prima con chiarezza queste voci, che limiteranno lo spazio disponibile per le voci facoltative.
  • Nome del marchio e del prodotto e logo
  • Consigli per l'uso e la preparazione del prodotto...
  • Informazioni di marketing per raccontare la vostra storia e creare un legame con il consumatore, e qualsiasi altra informazione vogliate trasmettere, come offerte promozionali, il resto della vostra gamma, ecc.
Date al vostro grafico qualcosa su cui lavorare:
  • Carta grafica completa da allegare al brief
  • Spiegazione del contesto per consentire al grafico di comprendere la posta in gioco: il vostro target e il vostro posizionamento, il motivo del progetto (nuovo prodotto, lifting, ecc.).
  • Fare un benchmark delle confezioni dei concorrenti per capire il panorama competitivo e come distinguersi dalla massa.
  • Se avete già dei prodotti esistenti, allegate le immagini delle confezioni in modo da creare fin dall'inizio l'armonia e l'omogeneità che sono essenziali per l'immagine del marchio, ma anche fornire una differenziazione sufficiente a far capire chiaramente la costruzione della vostra offerta.
  • Se il mercato e il posizionamento lo impongono: i codici da rispettare. Per esempio, su prodotti come il latte artificiale, c'è una reale necessità di rassicurare l'acquirente. È quindi essenziale rispettare i codici di mercato.
  • D'altra parte, se state realizzando un'edizione limitata, se il vostro prodotto non è molto accattivante o se il vostro marchio ha già una buona reputazione, potete permettervi di deviare dai codici abituali, come ad esempio le edizioni limitate di Heineken per il torneo di calcio Euro, dove il nome del marchio è ridotto al minimo a favore dei paesi partecipanti.

Fonte : Danstapub.com

Garantire la coerenza tra il brief e l'espressione grafica

Durante tutto il processo di progettazione grafica, tenete presente il vostro brief: tutti gli elementi in esso menzionati devono comparire sulla confezione. Dovreste anche dedicare del tempo alla realizzazione di un mock-up, in modo da poter vedere come apparirà la confezione in 3D a dimensioni reali, in modo da poter giudicare se i vari elementi sono visibili e leggibili di fronte (questo tipo di cose si possono vedere solo a dimensioni reali) e in modo da poter testare il design in una situazione reale, posizionandolo:

  • Con il resto dei vostri prodotti per garantire sia la coerenza, in modo che il consumatore faccia un collegamento tra i diversi prodotti del vostro marchio, sia la differenziazione, in modo che capisca che si tratta di prodotti diversi o addirittura di gamme.
  • Parlate con i gruppi concorrenti per assicurarvi che il vostro gruppo si distingua.

Solo quando tutti questi punti sono stati convalidati (e siete soddisfatti del progetto) potete inviare il file allo stampatore.

Cosa controllare una volta che il file è nelle mani dello stampatore?

Controllo #1 : Una volta che il vostro file è stato adattato dalla stampante (essenziale se deve funzionare su macchine tecniche), ricordatevi di controllare :

Controllo #2 : La prova! È il momento in cui si convalidano i colori della confezione attraverso un documento chiamato prova colore, cromalin o prova colore. Nel caso di un progetto molto strategico, o se lavorate con un nuovo stampatore, vi consiglio di recarvi in tipografia per questa fase. Sarà più facile per voi chiedere gli eventuali aggiustamenti necessari. Non esitate ad approfittare della prova per ricontrollare il testo e le immagini, perché una prova convalidata serve come base di controllo per il vostro stampatore per il resto della produzione.

Controllo #3 : Un controllo finale al ricevimento delle prime tirature, per assicurarsi che tutto sia conforme alla bozza, soprattutto se si tratta di una ristampa.

Creare il logo del marchio

Ciao lettori!

Oggi vi svelo tutti i segreti della progettazione di un logo. È una missione di massima precisione e il risultato finale deve essere perfetto! Ecco perché ogni aspetto deve essere pensato in anticipo. Dalla scelta del colori, da moduliemozione desiderata. Concluderemo con un podcast sull'argomento. Sophie Bodineau, fondatrice e graphic designer di What'zhat design Agency, analizzerà per noi 3 loghi.

Passiamo ora all'argomento vero e proprio.

IL SIGNIFICATO DEI COLORI

Il colore è ciò che viene notato per primo, sarà collegato al vostro marchio e visibile su tutti i vostri prodotti. mezzi di comunicazione.

Ogni colore ha un significato, una connessione inconscia nella mente delle persone (soprattutto nei Paesi occidentali). Ecco perché è così importante pensare alle parole chiave della vostra azienda.

- Rosso rappresenta paradossiamore/pericolo, coraggio/pericolo, zelo/pericolo

- Verde rappresenta rinnovo, crescita, speranza, natura e fortuna

- Giallo rappresenta il luceego, conoscenza, amicizia e gioia

- Blu rappresenta il sicurezzastabilità, lealtà, saggezza, fiducia e scienza.

- Rosa rappresenta il tenerezzaromanticismo, femminilità e bellezza

- Arancione rappresenta il comunicazione, dinamismo, entusiasmo e divertimento

- Nero rappresenta il potenzail misteroeleganzasemplicità e rigore

Attenzione! Ogni associazione psicologica Quando si parla di colori, gli atteggiamenti possono cambiare rapidamente, a seconda della cultura, dell'attualità, del tempo, della storia personale e delle tendenze.

Per ulteriori informazioni, visitate i seguenti siti web: codice-couleur.com e Pantone.

IL SIGNIFICATO DELLE FORME

Se utilizzate forme nel vostro logo (a volte i marchi utilizzano solo la tipografia), questo avrà un impatto sulla percezione dei valori e del vostro marchio. la vostra identità di marca. Per raggiungere l'obiettivo è necessario saper riconoscere le associazioni inconsce del cervello con determinate forme.

Ecco i più comuni e il loro significato per la maggior parte delle persone:

- Forme arrotondate accogliente, caldo

- Forme quadrate e rettangolari : serio, stabile ed equilibrato

- Forme triangolari potere, duro

- Forme organiche flessibilità, naturalezza

- Forme a spirale : introspezione, ispirazione e continuità

- Linee verticali : gerarchico, superiore e forte

- Linee orizzontali : comunicazione, calma e serenità

Il consiglio è di usare le forme con parsimonia, perché un eccesso di forme può complicare la comprensione.. Un buon logo è chiaro e leggibile. È anche possibile creare forme senza aggiungerle, utilizzando la tecnica delle forme positive/negative, alcune delle quali sono descritte di seguito. esempi qui.

UN MIX INTELLIGENTE

Per un logo, tutto è possibile, qualsiasi forma e qualsiasi colore, ma un graphic designer terrà sempre presente il messaggio principale dell'azienda e le parole chiave. Il risultato è spesso un mix coerente. Se il vostro cliente vuole assolutamente un triangolo, con angoli acuti, ma vende articoli per neonati, potete ammorbidire il tutto aggiungendo, ad esempio, un blu molto chiaro. È una questione di equilibrio.

IL PODCAST

Come promesso, ecco un podcast sulla teoria della scelta dei colori e delle forme.

Inoltre, l'analisi di 3 loghi, sopra, creata dal team What'zhat (in francese):

COSA SIGNIFICANO I DIVERSI CARATTERI TIPOGRAFICI?

Nelle parole di WikipediaLa tipografia si riferisce ai vari processi di composizione e stampa che utilizzano caratteri e forme in rilievo, nonché all'arte di utilizzare diversi tipi di caratteri per rendere il linguaggio leggibile, attraente e comprensibile.. Infatti, questi sono 3 dei principali fattori che prendiamo in considerazione durante gli incontri con i nostri clienti.

Innanzitutto, questa immagine vi aiuterà a capire le differenze tra i caratteri tipografici:

Tuttavia, posso assicurarvi che non avete bisogno di conoscere tutti questi termini tecnici in dettaglio - so che non ne avete il tempo! Vi suggerisco quindi di continuare a leggere, concentrandovi maggiormente sull'aspetto psicologico di ciascun carattere tipografico.

Ogni carattere non si abbina a nessun altro. La giusta combinazione vi consentirà di creare profondità nella vostra identità (questa regola vale anche per tutti i materiali di presentazione e i progetti, ringraziatemi in seguito per il suggerimento). Troverete qui un link a un ottimo sito che vi risparmierà errori di gusto. Avrete anche bisogno di questo sito web che vi permette di scaricare i vostri caratteri tipografici preferiti.

L'IMPORTANZA DELLE EMOZIONI

Dopo aver scelto i colori, le forme e la tipografia inizierai ad avere una buona prima visione del tuo futuro logo. Se però vi fermate qui probabilmente vi perderete la parte più bella: le emozioni. Al giorno d'oggi non acquistiamo più prodotti come prima. I clienti cercano (inconsciamente) una relazione con il marchio. Non acquistano più il prodotto solo per le sue caratteristiche ma anche per ciò che il brand rappresenta e trasmette.

Ecco perché è necessario concentrarsi ancora di più sul proprio logo. Cercate di giocare su una delle 6 emozioni riconosciute dagli specialisti come le più forti: gioia, orgoglio, fiducia, curiosità, paura e senso di colpa.

Ad esempio:

Desigual, un importante marchio di prêt-à-porter, ha creato un logo che a nostro avviso rappresenta molto bene molte di queste emozioni. Grazie alle forme molto organiche che sembrano formare un'esplosione di colori, Desigual spera di suscitare la curiosità dei suoi clienti. La chiarezza di questi stessi colori è un ovvio invito a un sentimento di gioia e di festa.

Infine, la tipografia, che a tratti si inverte, dimostra che Desigual non esita ad andare controcorrente e a imporre il proprio senso di orgoglio con un carattere molto audace. In questo eccellente esempio, possiamo notare che tutti questi elementi formano un insieme coerente e del tutto in linea con il marchio.

IL VOSTRO LOGO È FINITO!

Ora è il momento di goderti il tuo logo e mostrarlo ovunque. Ma ricorda che il tempo vola! È necessario essere flessibili di fronte a un ambiente in costante cambiamento. Come spiegato sopra, il significato di colori, forme ed errori di battitura può cambiare da un giorno all'altro a seconda degli eventi. Non esitare a cambiare/modernizzare il tuo logo quando ritieni che sia il momento. Non essere nervoso! I tuoi clienti resteranno piacevolmente sorpresi e parleranno di te durante la pausa caffè! È positivo e positivo per loro vedere che la tua attività si sta evolvendo e seguendo le tendenze. Fai evolvere il tuo logo con intelligenza, segui la strategia già in atto e rimani in linea con la tua l'immagine e i valori del vostro marchio.

Ad esempio:

Paypal, che offre metodi di pagamento online, non solo ha evoluto il proprio logo in linea con l'ambiente e le tendenze attuali, ma anche in linea con la propria storia. Nel 1999 erano pochissime le persone che utilizzavano questo servizio. Internet aveva solo due anni, quindi, con la crescita dell'importanza dell'azienda, è diventato più sicuro anche l'approccio al suo logo, con lettere più piene, colori più vivaci e un aspetto generale più adatto a un'azienda leader.

Torna al blog

Il Re Leone il film 2019

FILM D'ANIMAZIONE, LIVE-ACTION O MOTION CAPTURE?

Negli ultimi anni, i grandi classici della versione 2019 di Disney Dumbo" di Tim Burton, "Aladdin" ancora disponibile in alcuni cinema e "Il libro della giungla", un'impresa digitale. Ecco come la Disney ha deciso di rinnovare la propria immagine rielaborare tutti questi grandi classici dell'animazione in film generati al computer.

La distinzione tra film d'animazione, live-action e motion capture sta diventando sempre più chiara. Neel Sethi, ad esempio, è stato l'unico attore in carne e ossa in Il libro della giungla, interagendo con animali fatti interamente di plastica. immagini generate al computer. Ma è con Il Re Leone che il Studi di intrattenimento Fairview si spingono ancora una volta oltre i limiti con un film iperrealistico creato interamente al computer.

In un'intervista, Jon Favreau, produttore principale de Il Re Leone, ha ammesso di non sapere se si trattasse di un film d'animazione o di un film in live-action, e ha persino aggiunto che non si trattava di nessuno dei due. Voleva darci immagini degne di un reportage sulla fauna selvatica della BBC e non ha alcuna somiglianza con la effetti visivi realizzato al computer, anche se gli animali parlano e si comportano come gli esseri umani. Il trailer è disponibile qui:

Nessuna delle scene del film è stata girata sul posto. Jon Favreau ha effettuato il location scouting in Kenya, in Africa, raccogliendo immagini di paesaggi naturali in modo da poterli utilizzare come fonte di ispirazione artistica. Una volta in scatola, queste riprese in live-action sono state indubbiamente ritoccato digitalmenteper stare al passo con stile grafico dal resto delle scene. Ma non lasciatevi ingannare dal fatto che non si tratta di performance capture o motion capture.

In effetti, gli attori e gli artisti reclutati hanno prestato solo la loro voce James Earl Jones nel ruolo di Mufasa, Donald Glover nel ruolo di Simba, Beyoncé Knowles nel ruolo di Nala... Un cast numeroso, che aumenta l'impazienza dei fan. Inoltre, nessuno degli animali è stato effettivamente filmato, il team artistico e Il design si è ispirato alla natura per far sembrare gli animali il più possibile reali. Alcuni immagini dal backstage disponibile qui, sottotitoli in inglese disponibili:

Perciò abbiamo atteso con grande trepidazione l'arrivo del 19 luglio così potrete finalmente apprezzare il risultato di tutti gli sforzi dei team di disegnatori! Nel frattempo, vi proponiamo 3 fatti inediti sul cartone animato della nostra infanzia:

  1. Il Re Leone doveva inizialmente chiamarsi "Il Re della Giungla", finché il team non si è reso conto che i leoni non vivono nella giungla...
  2. Simba, Sarabi, Rafiki e Pumbaa sono parole swahili. Significano leone, miraggio, amico e stupido.
  3. Per la scena che coinvolge Scar e le iene, la Disney si è ispirata alle foto naziste. Chi l'avrebbe mai detto!

E voi, avete qualcosa che non avete mai sentito prima su Il Re Leone? Raccontateci tutto nei commenti.

Processo di sviluppo di un nuovo prodotto

Sviluppo del prodotto : Quali sono le fasi principali?

Progettare un nuovo prodotto è positivo, ma progettarlo bene è ancora meglio! Ecco perché prendersi il tempo necessario per progettare il nuovo prodotto è essenziale se si vuole offrire ai potenziali clienti il prodotto più rilevante per un lancio di successo.

L'importanza di conoscere il cliente

Prima di tutto, parliamo di persona.

La persona è la rappresentazione del vostro cliente ideale. In qualsiasi approccio di marketing, è importante tenere a mente questa persona per rimanere rilevanti, risparmiare tempo e, soprattutto, guidarvi nelle vostre azioni future, che si tratti dello sviluppo di un prodotto, della creazione di contenuti, della scelta dei mezzi di comunicazione, ecc. Semplicemente perché il cliente è la vostra ragione di esistere: senza un buon cliente non ci può essere business, e il marketing è certamente a volte un po' intuitivo, ma soprattutto si tratta di rivolgersi al cliente in modo convincente ma corretto. Quindi, dedicare un po' di tempo alla conoscenza reciproca non sembra del tutto inutile!

Definire il proprio personaggio significa creare un personaggio tipo, stilando una sorta di carta d'identità (qual è la sua età? il suo sesso? dove vive? qual è la sua situazione familiare?), ma soprattutto identificare il suo stile di vita nel modo più preciso possibile. Per farlo, dovete essere in grado di rispondere alle seguenti domande:

✔️ Che tipo di lavoro svolge? Qual è la sua categoria socio-professionale?
✔️ Quali sono le sue abitudini? Qual è il suo stile di vita?
✔️ Quali sono le loro convinzioni, i loro valori?
✔️ Quali media utilizzano per l'informazione e l'intrattenimento?
... e qualsiasi altro punto relativo al vostro settore di attività che riteniate rilevante.

Alcuni siti possono aiutarvi a costruire la vostra persona e forniscono anche modelli di file per mantenere queste informazioni al sicuro: XtensioHubspot o anche Amiamo gli utenti.

Il processo di sviluppo in 4 fasi

Lo sviluppo di un prodotto può nascere dalla necessità di ampliare la propria offerta o da un'opportunità che non si vuole perdere. In entrambi i casi, a parte la fase di generazione dell'idea, il processo di sviluppo sarà più o meno lo stesso.

1. Generare idee, poi scremarle

Può essere necessario molto tempo per trovare un'idea rilevante per una nuova offerta, quindi è meglio lavorare su questa fase prima ancora di averne bisogno.

👉 Rimanere sempre in standby

Il modo migliore per generare nuove idee è quello di tenere sotto controllo quotidianamente sia il vostro settore di attività sia i settori affini: seguite ciò che fanno i vostri concorrenti diretti e indiretti, monitorate gli sviluppi e le tendenze del vostro mercato sia nazionale sia internazionale, tenetevi aggiornati sui progressi e sui nuovi sviluppi della tecnologia, dell'ambiente, della politica, ecc.

👉 Analizzare ciò che dicono i vostri consumatori

Come sempre, pensiamo in termini di clienti e consumatori e li coinvolgiamo direttamente perché sono loro che vi diranno di più sulle loro aspettative ed esigenze. Leggete con attenzione i messaggi che vi inviano, ma soprattutto date un'occhiata ai forum e prestate attenzione ai commenti che fanno sui social network, perché è lì che le loro osservazioni saranno le più sincere e libere.

👉 Brainstorming in team

Parlate con i vostri colleghi e amici per condividere le vostre idee e scambiare opinioni, sia per aiutarvi a generare il maggior numero possibile di idee, sia per selezionarle e mantenere solo un breve elenco.

La scrematura deve permettere di concentrarsi solo sulle idee con un certo potenziale. A tal fine, analizzate le idee in base a diversi criteri:

✔️ La desiderabilità della vostra idea per il vostro personaggio
✔️ Il suo potenziale di mercato: quanto è maturo il mercato? È inondato (se è così, sarà più difficile farsi strada)?
✔️ Rilevanza dell'idea per la vostra azienda (complementare alla vostra offerta attuale? in linea con il vostro DNA?...)
✔️ La sua fattibilità, ad esempio per motivi legali o tecnici. Se la vostra idea prevede l'ingresso in un nuovo mercato, assicuratevi di studiarne i fattori chiave di successo per scoprire se disponete di tutte le conoscenze e le competenze necessarie all'interno dell'azienda, oppure se dovrete assumere o subappaltare.

Si tratta di una fase molto importante, perché se viene eseguita correttamente, potrete concentrarvi solo sulle idee potenzialmente interessanti per i vostri clienti, evitando così di investire tempo e denaro inutili.

2. Trasformare le idee in concetti

Una volta individuate le idee più rilevanti per la vostra attività, dovrete perfezionarle, dettagliarle e strutturarle in un vantaggio per il cliente (noto anche come proposta di valore) per passare dalla fase di semplice idea a quella di concetto di prodotto.

Come si identifica e si definisce una buona proposta di valore?

La proposta di valore è la materializzazione di una soluzione unica che offrite in risposta a una frustrazione identificata nella vostra persona. In altre parole, è la risposta alle seguenti domande: quale problema sto cercando di risolvere (= la frustrazione)? in che modo il mio prodotto fornirà qualcosa di unico, qualcosa di nuovo? quale risultato concreto raggiungerà? La proposta di valore può riguardare diversi aspetti: prestazioni, identità sensoriale, descrizione tecnica/composizione del prodotto, posizionamento di prezzo, distribuzione.

Anche se può sembrare noioso, dedicare del tempo alla stesura della vostra proposta di valore vi consentirà di sapere come distinguervi dalla massa differenziandovi dalla concorrenza e quindi vi aiuterà a sapere quali asset supportare nella vostra comunicazione.

A questo punto vi renderete conto che, per vari motivi, alcune idee saranno difficili da trasporre in un concetto e quindi verranno scartate da sole. Una seconda scrematura avverrà naturalmente.

Tuttavia, se diversi concetti sono ancora in corsa, se avete bisogno di perfezionare un concetto o anche se il vostro concetto sembra essere completo, vale la pena di testarlo con la realtà del mercato, perché solo perché vi piace un concetto non significa che troverà un pubblico. Pensate quindi di coinvolgere subito i vostri clienti attuali o potenziali, chiedendo loro la loro percezione e il loro interesse per il prodotto che state progettando di creare. Potete raccogliere le loro opinioni nel modo che preferite: studi tipo focus group, se potete, avvicinandoli direttamente per strada, nel vostro negozio se gestite una boutique, ad esempio, oppure utilizzando questionari online o addirittura un sondaggio su Instagram. Anche consultare prima gli amici e la famiglia è un modo rapido ed efficace per sondare il terreno.

3. CREARE E, SOPRATTUTTO, TESTARE

Una volta convalidato il concetto, è il momento di passare alla fase del prototipo. Oltre a concretizzare il concetto, questa fase consente di verificarne la fattibilità tecnica e finanziaria. Non esitate a sviluppare diverse versioni dello stesso prodotto per determinare la versione migliore, ma soprattutto presentatele ai vostri consumatori target per non sbagliare strada, anche se il vostro prototipo non è ancora completamente finito. Questo può permettervi di individuare eventuali ostacoli o obiezioni che non avevate individuato in precedenza e di porvi rimedio prima di passare alla produzione su larga scala, risparmiando così tempo e denaro!

Quando si tratta di testare il vostro prodotto, uno studio su larga scala è sempre più interessante, in quanto vi fornirà un feedback rappresentativo e completo. Tuttavia, se le risorse finanziarie non lo consentono, le opzioni di test sopra menzionate sono applicabili anche in questo caso e vi forniranno ancora una volta informazioni preziose.

4. Fare il grande passo

Infine, una volta convalidate tutte le fasi, è il momento del lancio. Naturalmente non si può mai essere sicuri di fallire, ma prendendosi il tempo necessario per porsi le domande giuste e per effettuare i test in anticipo, si avranno tutte le possibilità di lanciare il prodotto con successo. E non dimenticate che potrete sempre apportare miglioramenti in una fase successiva.